gov renzi berlusconiNel maggio 2008 - quando Berlusconi si è insediato - gli occupati erano 23,13 milioni, nel novembre 2011 - quando Berlusconi si è dimesso - gli occupati erano 22,56 milioni.
Si sono cioè persi 570 mila posti di lavoro.

Nel febbraio 2014 - quando Renzi si è insediato - gli occupati erano 22,15 milioni, a settembre 2017 - ultimo dato disponibile, sotto il governo Gentiloni - gli occupati erano 23,13 milioni.
Si sono cioè guadagnati 987 mila posti di lavoro.

renzi la sinistra“Ho fatto tante riforme senza capire che serviva più cuore e meno slide. Credo nel Pd, lo rilanceremo con facce nuove e valori forti. Non ho fretta di votare ma evitiamo un bis del 2013”. Intervista a Matteo Renzi di Ezio Mauro – la Repubblica

partiti italianiFiano. Intervistato da Ettore Maria Colombo. Zitta zitta, quatta quatta, la legge che riforma la vita interna dei partiti politici italiani è passata all`esame della Camera e ora è in Senato dove però va calendarizzata. La legge (primi firmatari i deputati del Pd Matteo Richetti ed Emanuele Fiano) vuole dare attuazione all`art. 49 della Costituzione che, mai attuato, disciplina i partiti politici, e ha un principio ispiratore, la trasparenza.

L`approvazione sarebbe una rivoluzione, specie per il «non partito», l`M5 S, di Grillo. Ne parliamo con uno dei relatori, Fiano. Cosa prevede la legge?

«Trasparenza e ancora trasparenza in tutti i settori della vita politica dei partiti: bilanci, regole, organi statutari, finanziamenti».

wef 2015"Forse la cosa più importante a livello strutturale è la riforma della credibilità. Sono state perse tante opportunità perchè si è perso credibilità, perchè il governo cambiava continuamente". Così il premier Matteo Renzi, intervenendo al Forum di Davos.

SbloccaItalia_imgCon il decreto Sblocca Italia il Governo ha varato una serie di norme volte a rimettere in moto il settore produttivo del Paese, a sostegno della filiera imprenditoriale e per il rilancio della competitività e il sostegno alla crescita.

stop-war-gazaAppello del Segretario Pd Pietro Virtuani. L‚Äôescalation di violenza sviluppatasi in Medio Oriente non può lasciarci indifferenti e necessita di una chiara presa di posizione da parte della nostra comunità partitica.

Continuando a navigare, accetti l'uso dei cookie per migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione sul sito