PD Monza e Brianza

politicamente imgUn’anteprima, un primo incontro del percorso di formazione dal titolo di “POLITICAMENTE”, che avrà luogo martedì 15 dicembre 2015 alle ore 21.00 via Arosio 6, Monza, un calendario di giornate di formazione rivolte specificamente ai segretari di Circolo nei primi mesi del 2016.

E sarà tenuto da un docente di scienze cognitive, che ha approfondito il legame tra scienze cognitive e strategia politica.

Introduce Pietro Virtuani, segretario provinciale del PD di Monza e Brianza
Relatori: Luca D'Auria, avvocato e docente di diritto all'università San Raffaele
Giulia Locatelli, filosofa e psicologa esperta di scienze cognitive

Lo storyboard

La ragione di Politicamente

  1. la libertà del decidere e la mindfulness in capo al politico: verità o illusione? Analisi della questione dopo l’avvento delle scienze cognitive (da Justice of Mind a Politicamente e le differenze tra i vincoli del decidere nel giudice e nel politico);

  2. il “decidere giuridico” come spazio privilegiato del decidere politico a livello nazionale e locale (leggi, regolamenti, ecc.);

  3. il “decidere pubblico” come ulteriore spazio privilegiato decidere politico (campagne elettorali, talk show, ecc.);

  4. il concetto filosofico di “alienazione” e la sua rivisitazione in chiave cognitiva nel politico di oggi e nella relazione tra decidere, diffusione del decidere attraverso i media e creazione di un nuovo ”sé mediatico”;

  5. (segue, per cenni): l’alienazione del politico, le sue trappole mentali ed i suoi bias cognitivi all’atto del decidere;

  6. (segue, per cenni): l’alienazione del politico, la moltiplicazione del sé, le trappole mentali ed i bias cognitivi dopo l’intervento e la diffusione attraverso i media del suo decidere;

  7. la necessità del contributo dell’esperto cognitivo a supporto del politico nelle fasi di alienazione (l’essenza di politicamente) per garantire una piena libertà di decidere ed una completa mindfulness

I media

  1. la natura ed il ruolo dei media nel passaggio tra Novecento e nuovo Secolo;

  2. trasformazione, reinterpretazione e moltiplicazione del sé some essenza del passaggio attraverso i media dell’agire del politico: analogie, differenze e caratteristiche a seconda dei generi di media a cui è affidato il messaggio sull’agire politico (radio, televisione, carta stampata, media, ecc.);

  3. l’operare dei media come essenza dell’alienazione del politico mediante la moltiplicazione del sé a seguito del numero di “personaggi” che i media creano del politico, anche a seguito della manipolazione del messaggio sul suo agire

Le scienze cognitive

  1. l’individuazione da parte dell’esperto cognitivo delle trappole mentali e dei bias cognitivi nel politico e l’incidenza sulla libertà del decidere e sulla piena mindfulness (in specie nelle fasi del decidere giuridico e del decidere pubblico);

  2. i particolari bias cognitivi e le trappole mentali all’atto del decidere politico e prima fase di alienazione;

  3. i particolari bias cognitivi e le trappole mentali all’atto del decidere dopo l’intervento dei media, la moltiplicazione del sé e seconda fase di alienazione;

  4. il recupero della libertà nell’agire e la piena mindfulness del politico dopo la “bonifica” operata dall’esperto cognitivo

politicamente loc

Continuando a navigare, accetti l'uso dei cookie per migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione sul sito