PD Monza e Brianza
banner tess alto
Pace in Ucraina
trasp pubb sostenib 2022

I consiglieri Di Paolo, Sironi e Garofalo hanno avuto un confronto congiunto con rappresentanza politica e parte tecnica dell’Ente.

Un incontro per fare il punto sulla situazione del Trasporto Pubblico Locale in Brianza, soprattutto alla luce delle numerose segnalazioni che il gruppo provinciale aveva raccolto nelle ultime settimane dai cittadini brianzoli. Ma anche l’occasione per chiedere aggiornamenti in merito al Piano di bacino del trasporto pubblico approvato nei primi mesi del 2019 e che sarebbe già dovuto diventare operativo.

Vincenzo Di Paolo, Simone Sironi e Giorgio Garofalo, a seguito della richiesta avanzata dal gruppo di centrosinistra Brianza Rete Comune, hanno incontrato il vicepresidente Borgonovo, il consigliere delegato a Mobilità e trasporti Fabio Ghezzi e il direttore del Settore Infrastrutture e Mobilità, Antonio Infosini.

“Un incontro proficuo nel quale ci sono state date rassicurazioni sui disservizi di trasporto pubblico locale”, spiegano i tre consiglieri provinciali, che aggiungono: “Con la fine dell’emergenza sanitaria dovrebbero gradualmente tornare i livelli di servizio pre-Covid, verificheremo che questo avvenga nel più breve tempo possibile”.

Le linee Z116 e Z115 sono tra quelle che hanno registrato il maggior numero di problemi. In particolare, sulla tratta Seregno-Cesano Maderno sono state soppresse oltre 250 corse su un totale di 400: “In entrambe le direzioni – precisano i consiglieri provinciali – alla sera il servizio sembra non essere praticamente più garantito con gravi conseguenze per chi va e torna dai luoghi di lavoro”.

Le ragioni di queste inefficienze sarebbero da ricercare tra le conseguenze dirette e indirette prodotte dall’emergenza sanitaria, ma dal 1° aprile, con la fine dello stato di emergenza, la situazione dovrebbe gradualmente tornare alla normalità.

Nel corso della riunione in Provincia si è parlato anche del Piano di bacino del trasporto pubblico che ancora non ha trovato applicazione. “È necessario rilanciare la discussione pubblica su un dossier così importante per programmare il trasporto sul nostro territorio e per rispondere al diritto di mobilità dei cittadini”, dichiarano i consiglieri.

Pin It
Continuando a navigare, accetti l'uso dei cookie per migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione sul sito