PD Monza e Brianza
scelgoilPD

vitalizi pensioniI fatti. Sulla polemica degli ultimi giorni riguardo ai vitalizi, si è detto molto e spesso a sproposito.

Anche in questo caso, il tema è stato oggetto di banalizzazione e superficialità, atteggiamenti che ancora una volta alimentano il clima di antipolitica che non fa bene al Paese e crea confusione oltre che disinformazione.

Ci preme qui provare a dare una spiegazione dei termini della questione, per rimettere al giusto posto i fatti, oltre ogni mistificazione grillina.

Chiariamo una concetto basilare, prima di parlare della questione: i vitalizi per i parlamentari non ci sono più dal 2012, sono stati eliminati insieme alla Legge Fornero.

La polemica del M5S prende furbescamente spunto dal fatto che presso l’Ufficio di Presidenza della Camera erano in discussione due proposte e che l’Ufficio non ha scelto la loro.

In sintesi, le due proposte erano le seguenti:

1) M5S: propone di spostare in avanti - da 65 a 67 anni - la pensione dei deputati di prima legislatura, ai quali si applica già il metodo contributivo (il che significa che prenderanno, al momento di andare in pensione, una pensione calcolata sulla base di quel che hanno versato), dicendo che così si rimuove il "privilegio" dei parlamentari.

RISPARMIO: 0 euro

2) PD: propone di applicare un contributo di solidarietà, un prelievo (unico strumento che la corte costituzionale ha dichiarato accettabile) a TUTTI i vitalizi del passato e alle pensioni del futuro.

RISPARMIO: 2 milioni 400 mila euro l'anno.

Voi cosa avreste votato?

Il fatto grave

L’aspetto veramente grave e preoccupante della vicenda, che purtroppo i media non sottolineano e non vogliono cogliere, è che alcuni rappresentanti del movimento cinquestelle abbiano poi con la forza occupato le Istituzioni perché non avevano fatto quello che volevano loro, non contenti hanno anche organizzato un assalto al Parlamento, compiendo un vero e proprio blitz in Aula e impedendo agli altri deputati di svolgere il Sindacato ispettivo.

Da tempo ormai, nel nostro Paese, c'è una forza politica che quando non si fa come vuole lei assalta le istituzioni repubblicane con la forza fisica e la violenza verbale.

Noi pensiamo che su questo dovrebbe esserci un sussulto del Paese perché da troppo tempo c'è un attacco quotidiano alla Politica, una delegittimazione continua, fatta di superficialità e qualunquismo, molto pericolosa e accade a troppe persone di fare l’errore di combattere e denigrare la politica toucourt anziché la cattiva politica, senza fare distinzioni, senza andare in profondità.

Leggi qui le dichiarazioni in merito di Marina Sereni

Continuando a navigare, accetti l'uso dei cookie per migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione sul sito