PD Monza e Brianza
scelgoilPD

newsletter 21072017Andiamo con ordine:
1) Domenica alle 18.30 ci vediamo alla Festa di Arcore per parlare della Festa provinciale. Quest'anno si svolge nell'area feste di Arcore, dal 7 all' 11 settembre; insieme ai volontari di Arcore, abbiamo bisogno di aiuto dai circoli della provincia. Chi fosse libero e vuole venire a offrire il suo contributo, è molto ben accetto.

2) Domenica alle 20.30 alla Festa di Triuggio parliamo della vicenda della K-FLEX; è una storia che ha molto impegnato il nostro partito e ha segnato il nostro territorio. Non si è conclusa come avremmo voluto, e proprio per questo occorre una riflessione collettiva sul significato, sul lavoro, sullo sviluppo del territorio, sul ruolo della politica.

3) Mercoledì si è svolta l'assemblea degli amministratori in vista delle elezioni del presidente della provincia, che si svolgono il 24 settembre (data che tutti i segretari di circolo devono segnarsi sul calendario, perché è fondamentale mobilitare tutti gli eletti nei consigli comunali per vincere). 
E' stata l'occasione per fare il punto su questi anni. Ci sentiamo di ribadire che la riforma delle province ha colto una intuizione giusta (un ente più snello che lavora insieme ai comuni), ma le questioni delle risorse con cui portare avanti le funzioni rimaste e dello spazio riservato alla politica non sono più rinviabili. In generale, è stato riconosciuto il buon lavoro fatto dal Presidente e dal gruppo di Brianza Rete Comune, nonostante le tante difficoltà incontrate in questa fase. L'immagine più significativa viene dall'assemblea dei sindaci di questi anni, dove effettivamente una comunità, un modo di amministrare, è emerso chiaramente; per cui le elezioni del prossimo Presidente devono proseguire in continuità con quanto fatto finora, lavorando per aumentare i momenti di confronto e dibattito tra noi.
Queste sono le cose importanti dell'assemblea di mercoledì; queste e la relazione di Gigi, che ha riepilogato con grande dovizia di particolari le situazioni relative a bilancio, pedemontana, interventi sulle scuole e situazione del TPL. Questi, e i numerosi interventi di sindaci per contestualizzare questo lavoro sul futuro della politica.
Per il resto, il Partito Democratico continuerà ad animare il progetto di Brianza Rete Comune insieme alla sinistra con cui amministriamo in molti comuni e in provincia e con il vasto mondo del civismo. Con l'orgoglio di un grande partito che concepisce la politica come passione e servizio, con l'umiltà di chi vuole unire e non dividere; senza arroganza, senza subalternità a nessuno.

4) Prosegue il lavoro verso le elezioni regionali. La sfida è complicata e appassionante. Durante questa e la prossima settimana si svolgono le riunioni di zona indette dai coordinatori del programma, per condividere insieme ai nostri Circoli il metodo di lavoro e gli obiettivi di questa fase. Temi, interlocutori, obiettivi, programmi. Insieme a un candidato competitivo (venerdì scorso in assemblea regionale è stato conferito ad Alessandro Alfieri il mandato di lavorare per la costruzione di una alleanza ampia di centrosinistra e di una candidatura unitaria), un programma che nasce dal basso costruito parlando con le persone. E' sicuramente più complicato, ma abbiamo sempre sostenuto che insieme a leader autorevoli serve sempre trovare una squadra collettiva e un progetto che affronti i problemi dell'oggi e dia una prospettiva sul domani. E lo faccia non chiudendosi in sé stesso, portando in giro il candidato al quale affidare l'onere di vincere da solo, ma con ordine e precisione coinvolga tante persone con le quali condividere compiti e obiettivi.

Petro Virtuani, Segretario provinciale del Partito Democratico di Monza e Brianza

Leggi la newsletter completa

Continuando a navigare, accetti l'uso dei cookie per migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione sul sito