PD Monza e Brianza
scelgoilPD

tutta altra storiaIl 15-16-17 ci sarà a Bologna una importante iniziativa del nostro Partito: tre giorni dedicati all'elaborazione e alla riflessione politica. Fare questa discussione è assolutamente necessario, perché le grandi sfide del nostro tempo hanno bisogno di una presa di consapevolezza e di un approfondimento che purtroppo molte volte è mancato. Solo con analisi vera e approfondita possiamo definire la prospettiva dei democratici e avere la capacità di incidere nei processi e non di subire gli eventi.

Altrettanto importante è il lavoro di revisione dello statuto operato dalla commissione nazionale presieduta da Maurizio Martina; presto ci sarà occasione anche qui sul territorio di analizzare il lavoro che è stato fatto per fornire anche il nostro punto di vista.

Questo due momenti, da un lato l'elaborazione programmatica, dall'altro la revisione politico-organizzativa, sono grandi occasioni per rilanciare il PD in questa fase molto complicata. Per farcela, per essere in grado di rispondere ai bisogni della società italiana, serve un PD più forte e radicato, che riscopre le proprie parole e i propri obiettivi. E quindi un PD che abbia una idea di società chiara, che immagini il futuro e reinventi il pensiero riformista del 21° secolo, che rinnovi le forme di partecipazione e riesca a coinvolgere e dare rappresentanza ai tanti che oggi si sentono esclusi e non partecipano. Non è semplice trovare lo spazio per la politica oggi, ma la scelta di fare un Partito nasce per rispondere a questo obiettivo.

A livello locale, continua l'impegno del PD contro il caro trasporti e il fallimento della Lega in Regione Lombardia. Dopo anni di trascuratezza del trasporto pubblico locale, con un sistema di collegamenti insufficiente e inefficiente, l'ultima beffa è stato l'aumento de 40% dell'abbonamento per chi utilizza solo il treno. Per questo saremo a fianco dei pendolari, e per questo in molti nostri comuni i consiglieri del PD stanno presentando una mozione nel quale chiedono l'impegno delle istituzioni locali a richiedere alla Regione di tornare sui suoi passi per quanto riguarda il costo degli abbonamenti (immaginare forme di rimborso più o meno complicate non è una risposta sufficiente) e per dare alla mobilità e all'ambiente la giusta priorità nelle proprie politiche.

Pietro Virtuani, Segretario provinciale del Partito Democratico di Monza e Brianza

Leggi la newsletter completa

Continuando a navigare, accetti l'uso dei cookie per migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione sul sito