PD Monza e Brianza
scelgoilPD

dep acque 2015Barzaghi (PD): Anche la Lombardia rischia di dover rispondere davanti alla Corte di giustizia europea per la mancanza di sistemi per un adeguato trattamento delle acque reflue. La Commissione europea ha inviato proprio oggi a Roma un parere motivato - ultimo passo della procedura d'infrazione prima del deferimento alla Corte - in cui chiede all'Italia, e ai suoi enti locali, di adottare al più presto adeguate misure per porre rimedio a questa situazione. Altrimenti a pronunciarsi sulla vicenda sarà la Corte.

"In Lombardia abbiamo 114 agglomerati, composti da 10 o più Comuni, in infrazione che hanno già subito la prima segnalazione da parte dell'Europa, per quanto attiene al 2014. Inoltre, ci sono 14 agglomerati che hanno, invece, già subito la prima condanna della Corte europea e alla seconda si paga: si parla anche di 10 milioni di euro, non spiccioli", commenta Laura Barzaghi, consigliera regionale del Pd, componente della VI Commissione Ambiente del Consiglio regionale, che segue per il Gruppo la partita dell'acqua e dei servizi connessi.  "Su questi temi abbiamo appena organizzato una serie di incontri con gli amministratori locali sul territorio, proprio in occasione della Giornata mondiale dell'acqua", ricorda Barzaghi, snocciolando altri numeri: "I dati lombardi sono davvero rilevanti: in regione ci sono 800 depuratori, la gran parte non adeguata e obsoleta‚".

La soluzione proposta dal Pd è chiara: "Occorre un piano di intervento che si può attuare solo attraverso i piani d'ambito e quindi una corretta gestione del servizio idrico integrato" continua Barzaghi " Il problema nasce con la normativa europea del 1991, recepita dall'Italia nel 1999, cioè ben 8 anni dopo, e dalla Lombardia solo con la legge 26 del 2003, quindi con un ritardo di ulteriori 4 anni. La norma Ue di 24 anni fa diceva che bisognava evitare almeno il 75% dei carichi inquinanti, rappresentati da fosforo e azoto, per impedire che entrassero nei corsi d'acqua".

Invece, rileva la consigliera Pd, "sia l'Italia che la Lombardia sono in pesante ritardo e ora la questione si può risolvere solo con un servizio idrico integrato veramente efficiente che si può ottenere con l'approvazione dei piani d'ambito e il loro finanziamento".

L'appello della Barzaghi è alla Regione che deve fare la sua parte anche su questa materia così importante: ricordiamoci che i soldi per le multe da infrazione sono talmente tanti che basterebbero per realizzare tutte le infrastrutture. E il rischio è che a pagare alla fine sia sempre il cittadino.

I passi sono, dunque, due da compiere subito: sollecitare tutti gli Ato lombardi a chiudere il percorso, finora estremamente lento, per l'organizzazione del servizio idrico integrato e, contemporaneamente, trovare la maniera in cui Regione Lombardia possa fare da garante con la Banca centrale europea per ottenere i finanziamenti necessari ad adeguare i depuratori, perchè da soli gli ambiti non ci riusciranno.

Comunicato Stampa - Milano, 26 marzo 2015

Continuando a navigare, accetti l'uso dei cookie per migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione sul sito