PD Monza e Brianza
scelgoilPD

Il provvedimento più importante su cui stiamo lavorando proprio in questi ultimi giorni dell'anno è la Legge di Stabilità, che determina le risorse di cui disporre per il futuro.

Le priorità sono lavoro e scuola: credito d'imposta per la ricerca, sgravi fiscali, riduzioni significative del costo del lavoro (che rendono più vantaggiosi i contratti a tempo indeterminato rispetto agli altri, incentivano le nuove assunzioni per il 2015 e prevedono sgravi anche per il lavoro non dipendente).

Questa legge di stabilità destina oltre due miliardi di euro, aumentati con lavoro della Camera, sugli ammortizzatori sociali e le politiche attive sul lavoro, quasi quattro volte in più del passato. Queste ultime due misure danno una corretta chiave di lettura della delega sul lavoro, il famoso "Jobs Act" di cui si è sentito parlare molto, senza però approfondirne i reali contenuti.

Ci sono poi, e sono significativi, 1 miliardo di euro in più per la scuola nel 2015 e 3 in più nel 2016 che danno copertura economica al progetto "La buona scuola". La scuola è la grande scommessa per il nostro futuro perchè dalla qualità culturale e dalle competenze dei nostri bambini che sono gli italiani di domani dipende che cosa saremo noi come comunità e dipende anche la nostra capacità di fare impresa, di dare lavoro, di fare qualità nella sfida globale.

Con le maggiori entrate derivanti dalla tassazione sulle rendite finanziarie, sul gioco d'azzardo e dai tagli alle pensioni d'oro, verranno sostenute nuove misure per la lotta all'evasione e per la prevenzione e cura delle ludopatie. Si tratta di temi di cui si parla spesso, raccontando inesattezze e dando informazioni superficiali. Questi sono invece provvedimenti concreti e misurabili.

La legge di stabilità prevede complessivamente interventi per 36 miliardi di euro, destinandone 18 per la riduzione della pressione fiscale, cui se ne aggiungeranno altri 18 nei prossimi 2 anni. Questa è davvero una scelta fondamentale per ripartire.

Vengono approvati anche interventi sul funzionamento dello Stato, della giustizia civile, sulla riforma della burocrazia.

Ci sono quasi 11 miliardi in più nella disponibilità degli italiani, a partire da chi ha di meno, stabilizzando tra l'altro il bonus fiscale di 80 euro (cosa di cui molti dubitavano) e c'√® una forte spinta verso nuove assunzioni sempre pi ù di natura stabile. Questo il difficile lavoro che si è fatto e si sta facendo.

La prima bozza di legge era più espansiva, metteva cioè più risorse pubbliche in questa fase difficile dell'economia. Su questo pesano ancora i vincoli europei. Vincoli non illogici perchè nascono per contenere la spesa e il debito e dipendono anche dagli sprechi del passato, ma che vanno rivisti alla luce del contesto di crisi che stiamo purtroppo vivendo da alcuni anni. Su questo è in corso un'azione importante per cambiare le logiche degli interventi europei.

Un Paese riparte non solo dalle norme scritte nella legge di stabilità, ma le norme della legge economica fondamentale devono creare le condizioni e sostenere la ripresa e questo provvedimento lo fa.

Sul piano locale mi sono speso in questi mesi per seguire in maniera costante le crisi industriali aperte. Su tutte Alcatel, Micron, Carrier, ex IBM (Bames e Sem). In merito a Micron ed Alcatel, un intenso lavoro svolto tra Governo e parti sociali ha prodotto accordi che hanno determinato la nascita di una nuova società che ha assorbito molti degli esuberi Alcatel, ha ottenuto un impegno di ST verso gli esuberi Micron e misure di accompagnamento per altri lavoratori.

Con il lavoro di tutti è stato scongiurato il licenziamento per diverse centinaia di persone.

Il lavoro da fare è ancora grande. Siamo impegnati per un progetto complessivo di sostegno agli investimenti sul nostro territorio e su questo spero di poter scrivere qualcosa di concreto molto presto. Perchè se da un lato occorre un impegno su ogni singolo posto di lavoro perso, dall'altro è solo con un sostegno agli investimenti e una seria politica industriale che può ripartire lo sviluppo e quindi l'occupazione. Non esistono scorciatoie.

Riporto qui i collegamenti ad alcuni miei interventi (sul tema dei trasporti locali, sul malaffare, sulla competitività del nostro territorio, sulle tensioni politiche di questi mesi) e ai video che sintetizzano alcune mie partecipazioni alle iniziative sul territorio cui sono stato spesso invitato nel fine settimana.

Roberto Rampi

{jcomments off}

Continuando a navigare, accetti l'uso dei cookie per migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione sul sito