PD Monza e Brianza

Sintesi dell’intervista di Giovanna Casadio su la Repubblica

“Ho speso tutta la mia vita politica per riunire le culture del riformismo. Il Pd va cambiato, dinamizzato, proiettato, ma scioglierlo sarebbe come ripudiare la mia vita, una specie di suicidio, e non ho ancora una volontà suicida. Ma il cambiamento deve essere radicale perché i rapporti con il Paese si sono ristretti molto, vanno ricostituiti”, Romano Prodi parla a Cesenatico ai giovani della Scuola di politiche, creata sette anni fa da Enrico Letta.

Prodi continua con una sua proposta per il PD: “Qui bisogna ricominciare a parlare con la gente delle cose che si discutono a tavola, quindici o venti argomenti: dagli adolescenti alla droga, al lavoro, alla salute, alla ricerca. Ogni settimana venti persone ma non solo del Pd, anche esperti, ne discutono in rete con decine di migliaia di cittadini. Al sabato il segretario dem o chi per lui va di presenza in una città e ne fa una sintesi, a Milano se si dibatte di finanza, a Padova se di volontari. Dopo si fa il congresso sui nomi per la guida del Pd. E’ una utopia? Sì, ma questo si fa se si vuole rifare un partito.
Prima di eleggere un segretario bisogna comporre una linea politica”.

Il Pd è l’unico partito. Però in Italia la crisi dei partiti tradizionali è forte, bisogna ricostruire il legame di politica comune che vada in profondità, mettendo insieme i diversi riformismi con un programma riformista. E poi ci vuole una legge elettorale che non induca in tentazione coloro che detengono il potere. Io sono per il doppio turno alla francese, che può ricomporre l’Italia. 
È una posizione isolata anche nel Pd, ma mettendo insieme nella seconda votazione coloro che sono omogenei, si può creare una maggioranza che duri cinque anni”.

Prodi chiude: “Se Enrico avesse avuto più tempo sarebbe stato convincente. Io in un mese non ce l’avrei fatta.
Ci sono diversi modi di comunicare, i sentimenti mediati fanno più fatica ad arrivare, ma poi arrivano
”.

Intervista integrale su la Repubblica

Continuando a navigare, accetti l'uso dei cookie per migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione sul sito