wef 2015"Forse la cosa più importante a livello strutturale è la riforma della credibilità. Sono state perse tante opportunità perchè si è perso credibilità, perchè il governo cambiava continuamente". Così il premier Matteo Renzi, intervenendo al Forum di Davos.

"Abbiamo tanti cittadini italiani che pensano che il posto dell'Italia non è essere un museo. Non voglio descrivere il Paese come museo, la cultura è importante, ma vorrei dire ai miei figli che l'Italia è un laboratorio di esperimenti".

"Bisogna trasformare i rischi in opportunità, è questa sfida della leadership". Matteo Renzi nel suo intervento sottolinea come in Italia, oggi, "c'è una finestra e un periodo di opportunità eccezionale e il ruolo dei politici è cogliere il momento, carpe diem, quando possiamo scegliere il futuro".Rispondendo alle domande di philipp Roesler il premier ha datto di non sapere "se il risultato del mio semestre è buono", diciamo che è stato "a metà a metà. Abbiamo convinto gli altri colleghi che dovevamo investire in innovazione e crescita. Il patto è di stabilità e di crescita ma non si è parlato più di crescita. Dobbiamo parlare del piano di investimenti, dobbiamo togliere la burocrazia. Se l'Ue è solo burocrazia non c'è futuro per l'Europa". La Bce "ora deve dare il messaggio che l'Europa deve andare verso un nuovo cammino di crescita".

Per il presidente del Consiglio, con questa riforma della legge elettorale l'Italia "avrà un leader per 5 anni", l'Italicum "dà una leadership chiara e stabilità. Dobbiamo creare le condizioni perchè sia chiaro il vincitore".

Continuando a navigare, accetti l'uso dei cookie per migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione sul sito